venerdì 30 dicembre 2016

ULTIMI GIORNI.


Un anno che va via,
porta con se i brividi della pelle,
mentre per chi resta...resta il pianto.
Quante gocce salmastre
scendono sul viso in cerca di un perchè.
Odo ancora i botti maleducati
che hanno infranto il sorriso
e l'odor di festa
di quest'ultimo dicembre.
Natale dei mercatini e delle ossa rotte.
Quante inutilità nella mente dei diversi.
Natale è fatto per dimenticare.
Natale è fatto per accettare
le ferite in fondo al cuore.
Sciocco chi ha deciso di buttarsi via.
Natale è fatto per ritrovarsi,
non per umiliarsi.
Vorrei che fosse sempre Natale
ad illuminare il viso.
Di quei botti che ho sentito
resterà solo fumo e lacrime
di quest'anno che va via.

sabato 17 dicembre 2016

OGGI SARA' DIVERSO.


Stamattina sarà diverso,
il sole sorgerà più tardi:
Sarà la luce che brillerà per sempre.
Sarà la voce che ti spronerà sempre.
Sarà la forza che ti sosterrà sempre.
Sarà una stella in alto al cuore.
Sarà un pensiero fisso: Amore.
Avrà per sempre un nome,
per te perderà l'accento,
sarà sempre e soltanto 

sarà Sara.

INTONACI DISPERSI.


C’è un muro della mia vita
dove a stento si leggono
tante date sovrapposte.
Le morti di oggi
coprono quelle di ieri
e le dita delle mani
intente ad asciugare
lacrime incredule
che ci dicono:
Non basta correre
per sentirsi più veloci.
Tu puoi anche sorpassarmi
come un lampo
ma poi ci devi arrivare
laggiù al traguardo
per poter dire:
Ho vinto, ci sono anch’io.
Ci sono macchie indelebili
su un muro della mia vita
che si chiedono ancora.
Perché non vivi?

Perché non ci sei anche tu?

mercoledì 14 dicembre 2016

A volte ci penso....Costantino Posa


La vita è
come un treno
che passa veloce.
Ce la fa solo 
chi sale su.
Gli altri aspettano
che da lassù
qualcuno
li riporti a casa.

ORA è NATALE.


Non credo tu possa dormire,
al diavolo chi ha detto che sei andata.
Da tempo ho smesso di fumare illusioni,
... non puoi lasciarmi proprio ora.
Fuori è tutto bianco,
le luci di Natale sono più di quelle di ieri.
Di vincotto e miele è fatto
il fumo di quel camino,
mentre il cuore, fino in fondo,
aspetta che tu ti giri.
E' Natale, non puoi andartene
e far solo male, smettila
di far finta di morire.
Io ho smesso di accantonare delusioni,
fuori è tutto bianco,
le luci spente del tempo che va,
ora sono più splendenti.
Ora è Natale.

martedì 6 dicembre 2016

SORPRESE INDECENTI.




Questa primavera dai mille risvolti.
Ogni anno diversa, ogni anno puntuale.
Arriva subito dopo la neve soffice
senza fare rumore.
Ogni anno porta via con se qualcuno di noi.
Primavera stagione della rinascita
porta con se, anche, una bella lista nera.
Le campane a festa contano ben poco
Il momento no può aspettare,
se non è un giorno può essere l’altro
e non serve recriminare.
Le vie del rientro concedono gialle mimose
e mandorli in fiore e per tanti, ferite nel cuore.
Le idi di marzo e le odi d’aprile
son sempre serviti al migrare delle rondini,
mentre, se vuoi, i calici da sempre
riempiti di nobili vini.
Continue sorprese ci tolgono il respiro,
cercando forse dolci fondenti di giorni passati
in attese felici, ma poi ci pensi e ripeti in silenzio
tutto quel che dici.
A volte si è tanto contenti,
che fa se ogni tanto ci si morde la lingua tra i denti.
Questa primavera ci lascia sconvolti

ma il cuore ogni anno, da solo, ci spera.

domenica 4 dicembre 2016

MAMMA DUE VOLTE...Costantino Posa


In un giorno d’inverno che gela,
ti parla il vento
che proviene dal tempo.
Ti dice: sospesi nell’aria,
i ricordi, quelli belli,
ti fanno gioire.
I sogni sono
poesie notturne
che si fanno inseguire
tra le brezze serali
di una mamma in esilio.
Una mamma due volte.
Come posso dimenticarle?
In un giorno d’inverno
non oso neanche voltarmi.
Il vento che viene dal mare
cosparso di soli riflessi
ti dice: io sono felice.
Come posso non ricordare?
Straniero portato dal vento,
i ricordi, quelli belli,
si fanno sentire.
I sogni, sospesi nell’aria,
ti fanno gioire.

venerdì 2 dicembre 2016

FIOCCHI DI POESIA...Costantino Posa



Ci sono pensieri
che a volte tornano
senza mai essere invadenti.
Ci sono pensieri
che per amor di chi li accoglie
si affidano ai sentimenti.
Ci sono pensieri
che collimano ai pentimenti
e poi ci sono quelli
che nel vibrar del tempo
si agitano e si trasformano
in tanti versi veri.
Ci sono pensieri
che inseguono la gente.
Ce ne sono tanti altri
che aspettano in disparte.
Presto il silenzio
si prenderà ogni cosa.
Resteranno solo quelli
tra le mie labbra e il cuore
e come la neve tenua,
senza fretta

si poseranno ancora.