sabato 31 gennaio 2015

SVEGLIA.


Tra il verde trafitto dai raggi del sole,
il cinguettio di un misto di uccelli.
Quelli della notte, ormai stanchi
e quelli del mattino di un nuovo giorno.
Sveglia è tempo di agire,
E' tempo di riprendere il respiro.
La voglia di sognare.
La voglia di parlare.
Sveglia è tempo di dimenticare
il buio silenzioso di una notte senza senso.
E' tempo di cercare un cuore ancora solo.
E' tempo di amare.

mercoledì 28 gennaio 2015

SENTIRSI SOLI



Mi manca di te la voce
gli echi dei momenti
e i pensieri sussurrati
a bassa voce.
Le parole così corrette
e le voglie
di essere presente.
Mi manca di te
l'inizio della foce
e i sussurri
a volte trattenuti
e i battiti
mai sempre muti.
Mi manca di te
la pelle liscia e bollente
come fossimo due amanti.
Mi manca di di te il tempo.
Mi resterà per sempre
ogni attimo e momento.

venerdì 16 gennaio 2015

SE IO FOSSI.


Se io fossi la notte,
sognerei d’incontrare
un vecchio amico.
Un amico d’altri tempi.
Un amico
migrato per viltà.
Un amico trasandato
nelle scelte della sua vita.
Un amico a part-time,
ritrovato
soltanto dopo morto.

giovedì 15 gennaio 2015

LE TUE LABBRA.


Ti si legge in viso che hai sfiorato il paradiso.
I tuoi occhi asciutti fissano sempre in alto,
se poi vibrano le tue ciglia si capisce che hai sorriso.
Le tue labbra attratte si gonfiano di parole e baci.
Se poi ti sfiorano le mie mani,
la pelle d'oca si mostra totalmente al cuore.
Respira di fiamme e fuoco, perché sa che non è un gioco.
D'inferno perde la ragione se i tuoi occhi chiusi
lasciano pesanti gocce come biglie.
Si capisce che ti manca il riso,
le tue labbra a punta si stringono di dolore e taci.

venerdì 9 gennaio 2015

VERSO IL VENNNNNTO.

VERSO IL VENTO...Posa Costantino

( dedicata a una mamma)



Sono tanti i giorni che ti hanno vista urlare al vento: "Lasciatemi dire quel che penso".
Sono tanti quelli che ti hanno fatto chiedere:"Perché non posso io decidere"
e poi sono già tanti quelli che ti hanno avvolta di silenzio.
"Come posso tornare come prima". Come posso ancora dire: "Ci sono anch'io".
Se scuoti un pò la testa e solo per dire:" Non ricordo",
però il sorriso non manca mai. Ti ha portata avanti e non ti ha mai abbandonata.
Sei stata donna, mamma e poi nonna. Hai tolto tanto a te per darlo a tanti altri.
Hai pianto tanto in silenzio per tutto quello che ti è stato tolto.
Che possa ancora il vento svegliare la tua mente, per farti ancora ricordare
che nonostante il tempo, tu sei ancora contenta.