Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2014

EQUILIBRIO PERFETTO.

Immagine
Farò del tuo tormento un leggero manto di malinconia. Farò dei tuoi silenzi uno scrigno l'angolo del mio riposo. Farò del tuo passo lento il senso unico dalla parte giusta. Farò del tuo viso un brandello di paradiso. Farò del tuo sorriso una luce nell'universo. Farò del tuo sguardo il linguaggio delle cose mute ed infine mi poserei sulla tua pelle nuda ad origliare il battito del pensiero e registrare il sapore poetico dei tuoi versi. Farò di te l'alba del mio momento senza nessun pianto di malinconia.

IMPRONTA...Costantino Posa

Immagine
Non possono esserci  cuori senza impronte. Un cuore senza impronte è un cuore che non ha vissuto. Un cuore che non ha mai amato. Un cuore che non ha mai patito. Basta anche sola un'impronta per poter dire: “ ho vissuto anch'io “.
In attesa che l'ultima onda ti porta via.

PANCA STANCA

Immagine
Seduto sulla mia panca fatta di travi, vecchie e stanche. In compagnia dei richiami alla mente. Inseguo il cadere delle foglie d'autunno, che mai si posano in terra spinti da un impeto d'aria di trascurati fremiti.

RADICI.

Immagine
Le nostre radici, come vasi sanguigni ci tengono in vita. Sono memorie dei nostri pensieri.
Sono ricordi di ieri e del nostro essere fieri. Ecco, voglio vivere come loro.
Ora che il tempo ha un ordine diverso delle cose voglio essere come loro
Ora che so qual'è il mio cammino posso essere anche diverso.
Voglio una poesia...che sia soltanto mia............Costantino Posa

VOGLIA-DESIRE...Costantino Posa

Immagine
Voglia
Un impercettibile fremito di una mai provata fantasia, quasi proibita, le scrollava i sensi. Lei non avrebbe mai dovuto neanche immaginare, mentre ne conteneva più della voglia di provare. Si rilevò più ardita di un giusto rimprovero, incapace di resistere, come lo slancio di un cuore insolente sfuggito al supplizio di un amore vero.


Desire
An imperceptible quiver never tried a fantasy, almost prohibited, shook the senses. She should never have even imagined, while it contained more than willing to try. It was found most daring of a just reproach, unable to resist, as the momentum of a heart insolent escaped the torment of a true love.

Constantino Posa

VIBRAZIONI.

Immagine
Ci sono parole aspre,
arrivano così all'improvviso.
Ci sono pensieri esausti,
somigliano a dei pesi
nessuno osa alzarli.
Ci sono risposte e inutili attese
dei treni che vanno via.
mentre qui riposa il petto.
Il mio calore diventa il tuo
e il mio respiro sospira al tuo.
Mi godo il tempo senza attese
e la tua pelle nuda
e se i pensieri sono braccia
somigliano a dei rami
che nessuno può spezzarli
e nel silenzio ci sono tuoni,
arrivano pian-piano
sono i battiti del cuore.

SE LEI MI CHIAMA NONNO.

Immagine
Non smetterò di sognare
solo perché la vita mi appare
come il tirare di una sigaretta,
sempre più corta.
Mentre il resto va in fumo.
Anche i pensieri sono più lenti
si aggrappano al tempo
Ma il tempo non sa mentire
Non ha più tanto tempo.
Anche gli occhi che non hanno pianto tanto
hanno preso il colore del cielo
perché è lì che arriva al mattino l'aurora.
Non ci saranno mai sogni irrealizzabili
se me la ritrovo sempre accanto.

GIOIA ALLA VITA.

Immagine
Trova il tempo di pensare a lei. Sarà la tua aurora. Trova il tempo di sorridere. Sarà la sua luce. Trova il tempo di parlarle. Ti ascolterà felice. Trova il tempo di amarla. Sarai la sua strada. Trova il tempo di sognare.
Sarà tutta la sua vita.

NEVE D'ESTATE.

Immagine
Nella vita di un poeta ci sono versi che sanciscono l'immortalità e nei versi di un poeta c'è la vita di un uomo costretto a rastrellare i propri pensieri alla ricerca di raffiche di vento: Quello giusto. Su tutto ciò che rimuove c'è sempre una parte di te che viene verso di noi. Mentre l'altro, il resto va lungo crepe nei muri del tempo. Tutto inizio da una lacrima
e dal chiedersi perché?

BUFERA. – Costantino Posa

Immagine
Ancora un tuo brivido come un onda mi attraversa. Ed è come se il tempo non fosse mai arrivato ad esplicare un urlo crescente che non distrae. Sfiora e dipinge note sulla pelle che ansima e s’agita al sol sfiorarsi. Mentre il mio sangue con la luce premuroso si lascia andare. Reso ancor più ardito si esalta a somigliare a tutto quello che diventa bufera. Di tutto ciò che appare negato in delirio intenso e profumo d’illecito fino a quando finiscono i gemiti segreti
senza più fonti da dissetare.

TRACCE.

Immagine
Tutto il tempo che passo a chiedermi Se avrò ancora tempo E se penso alle tante cose tolte Come un pensiero in ombra non sa più cosa pensare e quei girasoli che non sanno più cos’è il sole. senza mai sentirmi disperato Ripenso alle tante altre cose guadagnate e a quel nessuno più mi ascolta e a quegli occhi chiusi che non hanno mai visto e alle ferite scippate agl’ingiusti. A tutti è dovuto un po’ di supplizio, mentre il lamento come un vento gelido spazzò via il tempo. Lasciò soltanto tracce e tanti cuori impreparati.

COSA SARA'.

Immagine
Sarà il tempo che ti costringe  a guardare avanti. Sarà la voglia che non ti molla mai rubando alle stagioni un po’ di prima. Sarà il cuore che no sa fermarsi. Vezzeggiato dai battiti di chi ti sta a fianco. Saranno le virtù che non hanno memoria. Sarà il domani con la valigia in mano. Saranno le voci che non hanno sdegno. Saranno le coincidenze che non si dimettano mai E gli strappi che non si sfilano più. Saranno le sentenze che cancelleranno gli ordini dei sensi E le insegne che illumineranno E gli altrui ricicli resteranno avanzi di ciò che era avanti. Saranno le lune che si sorpasseranno E le confusioni senza possibilità. Le riflessioni su ciò che accadrà. Saranno i messaggi che s’inventeranno i passi E i flussi che ti travolgeranno. Saranno i dubbi che si chiederanno Perché si parla molto Della perdita del vanto. Chiuderanno i toni un po’ pacati Che accetteranno ormai
Che tutto è stato dimenticato.